14 minuti

Dal 25 aprile al 12 giugno tornano le Settimane Musicali al Teatro Olimpico di Vicenza, rassegna concertistica che quest’anno giunge alla 31esima edizione. Un ricco cartellone di concerti, che si avvale della direzione artistica di Sonig Tchakerian, che vede celebri artisti e giovani promesse esplorare i diversi sentieri della musica classica,  in una molteplicità di suoni, emozioni e narrazioni.

Con l’undicesima edizione del Concorso Pianistico Nazionale Premio Lamberto Brunelli dal 25 al 27 aprile, riprende la programmazione delle Settimane Musicali al Teatro Olimpico di Vicenza, il festival concertistico che ogni primavera porta l’emozione della musica nello straordinario palcoscenico del teatro palladiano e in altri palazzi storici della città. Con eventi che accostano pagine celebri ad altre di più rara esecuzione, la rassegna impaginata da Sonig Tchakerian che nel 2011 ha ricevuto il prestigioso riconoscimento del Premio Franco Abbiati, si configura come intenso crocevia di dialogo artistico e speciale momento di richiamo per gli appassionati della musica classica. Il titolo dell’edizione 2022 è Prima il silenzio, poi il suono, o la parola.

“Il mistero del silenzio, dell’attesa, quando si rivela in suono e in parola, in uno spazio unico al mondo come il Teatro Olimpico di Vicenza – dichiara Sonig Tchakerian – diventa il segno della programmazione del Festival per il triennio 2022-2024, che si svolge nella direzione tracciata dalla nostra tradizione: grande qualità artistica degli interpreti, innovatività delle scelte musicali e musicologiche spaziando dalla musica da camera all’improvvisazione jazz, alla prosa, alle prime esecuzioni, alla valorizzazione dei talenti emergenti, ad una interazione con il pubblico con innovative iniziative di comunicazione e condivisione dello spettacolo”.

Dopo il Premio Brunelli, che quest’anno si presenta in una nuova veste con due prove, eliminatoria e finale con l’Orchestra di Padova e del Veneto al Teatro San Marco e al Teatro Olimpico, il primo appuntamento del Festival è domenica 22 maggio con Mu.Vi. – Musica.Vicenza, evento diffuso che porta la musica in luoghi di particolare bellezza del centro storico cittadino, da Palazzo Chiericati a Palazzo Trissino, dalla Loggia del Capitaniato a Palazzo Leoni Montanari. Con repertori che spaziano dalla classica al jazz, vanno in scena da mattina a sera diversi concerti per un atteso momento di partecipazione, da vivere con la voglia di lasciarsi guidare e sorprendere dalle tante emozioni della musica dal vivo. Dopo la giornata di prologo al Festival, si prosegue venerdì 27 maggio a Palazzo Chiericati con un concerto che rientra nell’ambito del Progetto Giovani del Festival. Protagonista è il vincitore del X Premio Brunelli 2021, il pianista Kostandin Tashko con un denso e impegnativo programma che si snoda tra pagine di Beethoven, Liszt, Stravinsky e Tchaikovsky/Mikhail Pletnev con la Suite from ballet “Nutcracker”. Sempre a Palazzo Chiericati domenica 29 maggio l’appuntamento della Matinée porta in scena il concerto Lucrezia romana, il femminicidio nell’arte con Giulia Bolcato, soprano, Federico Toffano, violoncello, Alberto Maron, clavicembalo e Sara Danese, storica dell’arte. Un originale progetto che vede la musica in dialogo con la pittura con i dipinti del Padovanino e brani di Barbara Strozzi, Georg Federich Händel e l’esecuzione, in prima assoluta, de La tua voce nella mia di Delilah Gutman. Si prosegue la sera dello stesso giorno al Teatro Olimpico con il vincitore del Premio Paganini 2021, il violinista Giuseppe Gibboni con l’Orchestra di Padova e del Veneto. In programma laHolberg Suite per archi op. 40 di Edvard Griegle Variazioni su un tema originale op. 15 di Henryk Wieniawsky e per concludere La Campanella dal Concerto in si minore op. 7 di Niccolò Paganini e il Capriccio op.1 n.24 di Niccolò Paganini/Giedrius Kuprevičius. Nell’anno in cui ricorre il centenario della nascita, il Festival rende omaggio a Pier Paolo Pasolini, venerdì 3 giugno, con l’evento intitolato Qualcosa di sacro con protagonisti Giuliana Musso, voce recitante, Sonig Tchakerian, violino e Giovanni Sollima, violoncello. Lo spettacolo prevede la lettura di testi dai libri di Pasolini e citazioni tratte dai saggi critici dedicati al grande scrittore e intellettuale su musiche di Johann Sebastian Bach, di Giovanni Sollima. In programma anche il compositore armeno Tigran Mansurian di cui verrà presentato un brano per violino solo in prima esecuzione assoluta. Il Festival prosegue sabato 4 giugno a Palazzo Chiericati con il concerto, nell’ambito di Progetto Giovani, di Elia Cecino, il pianista vincitore del XXXVI Premio Venezia 2019, con un impaginato che accosta celebri composizioni di Robert Schumann e di Franz Liszt. Sempre nell’ambito di Progetto Giovani è l’appuntamento del giorno successivo, domenica 5 giugno, con il violoncellista vincitore della borsa di studio presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Gabriele Melone. In violoncello solo nella prima parte del concerto con un repertorio che spazia da Bach a Ligeti, nella seconda è con Sofia Adinolfi al pianoforte per le Chant du Ménestrel op.71 di Aleksandr Konstantinovič Glazunov e la Sonata in re minore op. 40 per violoncello e pianoforte di Shostakovich. La giornata del 5 giugno si conclude poi la sera al Teatro Olimpico per un concerto che vede riuniti Sonig Tchakerian, violino, Enrico Dindo, violoncello e Pietro De Maria al pianoforte in un programma ideato per celebrare centenari e ricorrenze: sul leggio la Sonata per violino e pianoforte in la maggiore di Cesar Franck (a 200 anni dalla nascita), la Sonata per violoncello e pianoforte in la minore di Alexander Zemlinsky (a 80 anni dalla morte) e Siciliana e Burlesca per pianoforte, violino e violoncello di Alfredo Casella. Concludono il variegato cartellone del Festival gli appuntamenti del 10 giugno al Teatro Olimpico con un concerto dedicato a Shéhérazade, Suite op. 35 di Nikolaj Rimskij-Korsakov nella versione per pianoforte a 4 mani dell’autore, in scena i pianisti Marco Sollini e Salvatore Barbatano e la voce recitante di Paola Pitagora; il concerto del giorno successivo, sabato 11, a Palazzo Chiericati con il pianista Davide Ranaldi, vincitore del XXXVII Premio Venezia 2021 in un programma che riunisce pagine di Haydn, Chopin, Rachmaninov e Prokofiev e infine domenica 12 giugno, sempre a Palazzo Chiericati, l’esecuzione delle celeberrime Variazioni Goldberg BWV 988 con Roberto Loreggian al clavicembalo.

Le Settimane Musicali al Teatro Olimpico si avvalgono della collaborazione di enti istituzionali quali l’Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza, della Regione del Veneto e del MIC-Ministero della Cultura, sono inoltre sostenute da Banca Mediolanum, Digitec, Fondazione Roi, Banca delle Terre VeneteFormaFamiglia BrunelliBDF DigitalIiritiYamahaAries – GHouseMusei Civici VicenzaTeatro Comunale Città di Vicenza.

Media Partner:  Il Giornale di Vicenza,  Giornale della musica e Classic Venice Radio.

Anche quest’anno le Settimane Musicali al Teatro Olimpico confermano la plurale vocazione del Festival e le molteplici collaborazioni con realtà istituzionali e associative. Proficue collaborazioni a livello artistico sono in atto con il Conservatorio Arrigo Pedrollo di Vicenza, in particolare per la il concorso pianistico nazionale intitolato alla figura di Lamberto Brunelli; con gli Amici della Musica di Firenze, gli Amici della Musica di Padova, la Accademia di Musica di Pinerolo e Torino e con Asolo Musica per l’inserimento del vincitore del Premio Brunelli nella loro programmazione artistica; con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per una borsa di studio dedicata a turno al miglior allievo dei corsi di violino, violoncello e pianoforte; con l’Accademia di Musica di Pinerolo e Torino per il miglior pianista selezionato tra i corsi di perfezionamento e con diverse realtà territoriali tra cui il Liceo Musicale Antonio Pigafetta.

XXXI Settimane Musicali al Teatro Olimpico

Prima il silenzio, poi il suono, o la parola.

25 aprile – 12 giugno 2022

Domenica 22 maggio ore 12.00/16.00

Palazzo Chiericati, Loggia del Capitaniato, Palazzo Leoni Montanari

Mu.Vi – Musica. Vicenza Prologo al Festival

Fabio De Angelis, batteria, Francesco Benini, pianoforte, Cesare Ferro, basso elettrico, Martina Ghibellini, voce, Giordana Ciampalini, flauto, Fabio Pavan, sassofono, Luca Scardovelli, chitarra, Matteo Vallicella, contrabbasso, Rita Brancato, batteria, Lorenzo Cucco, sax, Francesco Bozzola, chitarra elettrica, Samuele Donadio, pianoforte, Christian Guidolin, basso elettrico, Gabriele Da Ros, batteria, Nicole Rigoni e Lucia Piccoli, Richard Bortolan e Tommaso Frezza, Myriam Pento e Gabriele Visentin, pianoforte, MiAmOr Milano Amateurs & Orchestra, Martina Filippi e Jacopo Parolo, fisarmoniche

Venerdì 27 maggio

Palazzo Chiericati ore 18.00

Progetto Giovani – Vincitore X Premio Brunelli 2021

Ludwig van Beethoven Sonata “Appassionata”op. 57 n.23 in F minor

Franz Liszt Transcendental Etude n. 10 in fa minore

Piotr Ilich Tchaikovsky / Mikhail Pletnev Suite from ballet “Nutcracker”

Igor Stravinsky Trois mouvements de Petrouchka

Kostandin Tashko pianoforte

Domenica 29 maggio

Matinée a Palazzo Chiericati ore 12.00

Lucrezia romana il femminicidio nell’arte

Barbara Strozzi Lagrime mie

Delilah Gutman Quasi una voce

Georg Friedrich Händel Lucrezia

Giulia Bolcato, soprano, Federico Toffano, violoncello, Alberto Maron, clavicembalo, Sara Danese, storica dell’arte.

Domenica 29 maggio

Teatro Olimpico ore 20.00

Vincitore Premio Paganini 2021

Edvard Grieg Suite Holberg per archi op. 40

Henryk Wieniawsky Variazioni su un tema originale op. 15

Niccolò Paganini La Campanella dal Concerto in si minore op. 7

Niccolò Paganini – Giedrius Kuprevičius Capriccio op. 1 n. 24

Giuseppe Gibboni violino

Orchestra di Padova e del Veneto

Venerdì 3 giugno

Teatro Olimpico ore  20.00

Ciclo Bach. Johann Sebastian Bach – Pierpaolo Pasolini. Qualcosa di sacro

Johann Sebastian Bach Sarabande dalla Suite in do minore per violoncello solo BWV 1011

Johann Sebastian Bach-Victor Derevianko  Ciaccona dalla Partita in re minore per violino solo BWV 1004

Tigran Mansurian Prima esecuzione assoluta

Giovanni Sollima Pasolini Fragments per violoncello solo

Johann Sebastian Bach Invenzioni a due voci BWV 772

Giuliana Musso voce recitante

Sonig Tchakerian violino

Giovanni Sollima violoncello

Sabato 4 giugno

Palazzo Chiericati ore 18.00

Progetto Giovani – Vincitore XXXVI Premio Venezia 2019

Robert Schumann Phantasiestücke op. 111 – Études symphoniques op. 13

Franz Liszt da Années de pèlerinage. Deuxième Année – Italie, S. 161 Sonetto 47 del PetrarcaSonetto 104 del PetrarcaSonetto 123 del Petrarca

Franz Liszt Après une lecture du Dante: Fantasia quasi Sonata

Elia Cecino pianoforte

Domenica 5 giugno

Matinée a Palazzo Chiericati ore 12.00

Progetto Giovani – Violoncellista vincitore borsa di studio Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Johann Sebastian Bach Suite n. 6 in re maggiore BWV 1012 per violoncello solo

György Ligeti Sonata per violoncello solo

Aleksandr Konstantinovič Glazunov Chant du Ménestrel Op. 71 per violoncello e pianoforte

Dmitri Shostakovich Sonata in re minore Op. 40 per violoncello e pianoforte

Gabriele Melone violoncello

Sofia Adinolfi pianoforte

Domenica 5 giugno

Teatro Olimpico ore 20.00

Cesar Franck Sonata per violino e pianoforte in la maggiore

Alexander Zemlinsky Sonata per violoncello e pianoforte in la minore

Alfredo Casella Siciliana e burlesca per pianoforte, violino, violoncello

Sonig Tchakerian violino

Enrico Dindo violoncello

Pietro De Maria pianoforte

 *****

Venerdì 10 giugno

Teatro Olimpico ore 20.00

Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov Shéhérazade, Suite op. 35

Versione per pianoforte a 4 mani dell’Autore, da Le Mille e una notte. Testi a cura di Donatella Donati

Paola Pitagora voce recitante

Marco SolliniSalvatore Barbatano pianoforte a quattro mani.

Sabato 11 giugno

Palazzo Chiericati ore 18.00

Progetto Giovani – Vincitore XXXVII Premio Venezia 2021

Franz Joseph Haydn Sonata in mi bemolle maggiore n. 52, Hob. XVI/52

Fryderyk Chopin Fantasia in fa minore Op. 49

Sergej Vasilyevich Rachmaninov Etudes Tableaux Op. 33

Sergeij Sergeevič Prokofiev Sonata n. 7 in si bemolle maggiore Op. 83

Davide Ranaldi pianoforte

Domenica 12 giugno

Matinèe a Palazzo Chiericati ore 12.00

Ciclo Bach

Johann Sebastian Bach Variazioni Goldberg BWV 988

Roberto Loreggian clavicembalo

Le Settimane Musicali al Teatro Olimpico si avvalgono della collaborazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza e del patrocinio della Regione del Veneto; sono inoltre sostenute dalla Fondazione Cariverona, dalla Fondazione Giuseppe Roi, da AIM Group, dalla Famiglia Marzotto, da Ceccato Automobili, da BDF Digital, da 81 Family Office, da Tomasi Costruzioni, da Banca Mediolanum, da Intesa Private Banking, dalla Maner e dalla Famiglia Brunelli.

Le Settimane Musicali al Teatro Olimpico si avvalgono inoltre della collaborazione di prestigiose istituzioni come: l’ Accademia Olimpica, l’ Accademia Nazionale di Santa Cecilia, il Conservatorio A. Pedrollo di Vicenza, le Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, la Fondazione Amici della FeniceAsolo Musica, gli Amici della Musica di Padova e il Teatro Comunale Città di Vicenza e il supporto di realtà vicentine come: il Glam Boutique Hotel, il Best Western Aries HotelFormaBurgo Group e Banqueting by Perla.

Info e biglietteria SMTO 2022

Ø   Biglietteria del Teatro Comunale Viale Mazzini 39 – Vicenza

La normativa è in continua evoluzione e pertanto, per modalità di acquisto e orari della biglietteria, si rinvia alla consultazione dei seguenti siti:

o   Online sul sito www.tcvi.it

o   online sito www.settimanemusicali.eu

Ø  presso la biglietteria del Teatro Olimpico il giorno dello spettacolo a partire dalle 19

Contatti

Organizzazione:

SMTO info@settimanemusicali.eu  www.settimanemusicali.eu

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + 17 =