11 minuti

“L’amore criminale” è il film di debutto alla regia per la veterana produttrice Denise Di Novi (“Crazy, Stupid, Love”, “Focus”). Rosario Dawson (la saga di “Sin City”), Katherine Heigl (“27 volte in bianco”, “Molto incinta”) e Geoff Stults (“The Odd Couple” per la TV) sono i protagonisti di questo thriller drammatico.

Tessa Connover (Heigl) riesce faticosamente a gestire la fine del suo matrimonio quando l’ex marito, David (Stults), si fidanza felicemente con Julia Banks (Dawson) – portandola non solo a vivere nella casa che una volta avevano condiviso, ma coinvolgendola anche nella vita della loro figlia, Lily. Nel tentativo di calarsi nella sua nuova vita, Julia è convinta di aver trovato l’uomo dei suoi sogni, quello che l’aiuterà a gettarsi alle spalle un passato difficile. Ma la gelosia di Tessa assume presto una svolta patologica e niente e nessuno la fermerà nel trasformare i sogni di Julia in veri e propri incubi.
Il cast principale include anche la star di cinema e televisione Cheryl Ladd, nel ruolo della madre di Tessa, Helen; Sarah Burns (“Big Little Lies” per la HBO) è Sarah; Whitney Cummings (“Un testimone in affitto”) è la migliore amica di Julia, Ali; Simon Kassianides (“Agents of S.H.I.E.L.D.” per la TV) è Michael Vargas; Isabella Kai Rice (“True Blood”) è Lily e Robert Ray Wisdom (“Ballers” per la HBO) è il Detective Pope.

Di Novi ha diretto “Unforgettable” da una sceneggiatura di Christina Hodson. La Di Novi, Alison Greenspan (“Resta anche domani”) e Ravi Mehta (“Duri si diventa”) sono i produttori del film, con Lynn Harris in veste di Produttore Esecutivo.
Il team creativo include il direttore della fotografia più volte candidato all’Oscar®, Caleb Deschanel (“Uomini veri”, “Il Migliore”), lo scenografo Nelson Coates (“Flight”), il montatore Frédéric Thoraval (“Taken”) e la costumista Marian Toy (“Ballers” per la HBO). Le musiche sono state composte da Toby Chu.
La Warner Bros. Pictures presenta una produzione Di Novi Pictures, “L’amore criminale”. Il film sarà distribuito dalla Warner Bros. Pictures, una compagnia della Warner Bros. Entertainment.

LA PRODUZIONE

Quando Finisce l’Amore
Inizia la Pazzia

Fin dove ti spingeresti per amore?
Per la regista/produttrice Denise Di Novi, questa è la domanda al centro del suo nuovo thriller di suspense, “L’amore criminale”. Ci racconta, “La storia mi ha intrigato perché parla di due donne molto diverse tra loro, che si ritrovano implicate in una relazione famigliare complicata. Ognuna di loro sente addosso a sé una pressione enorme — una per il fatto di dover creare la vita perfetta, l’altra per doverla mantenere. Questa pressione porta una di loro verso la pazzia, mentre l’altra è costretta a trovare la forza di combattere per la sua stessa vita. Ho pensato che fosse un tema adatto per realizzare un thriller molto intenso”.
Quando si conoscono, le due donne al centro della storia sono entrambe ad un bivio delle loro vite. Nonostante abbia divorziato già da anni, Tessa non ha mai accettato la fine del suo matrimonio, credendo in cuor suo che lei e il suo ex marito, David, avrebbero finito per riconciliarsi. Purtroppo questa speranza è interrotta dall’arrivo della nuova fidanzata del suo ex, Julia, che si sta lasciando alle spalle un passato traumatico e sta per imbarcarsi in una nuova vita accanto a David.
La produttrice Alison Greenspan racconta, “Julia sta uscendo da un periodo molto difficile, ed è finalmente arrivata in un luogo in cui crede di aver trovato il principe delle favole — un uomo che si prende cura di lei e che la tratta con gentilezza e rispetto. Quello che non sa è che la sua ex moglie diventerà una parte dell’affare che non era previsto”.
“Julia scopre subito che l’uomo dei suoi sogni non ha affatto una ex moglie ideale”, afferma la Di Novi. “Inizialmente, Tessa sembra sforzarsi di sembrare accondiscendente, ma con il passare del tempo, il loro rapporto si fa via via sempre più teso… e sempre più spaventoso”.
“Da un lato, il film è una corsa elettrizzante e tutti adorano guardare la pazzia che si scatena”, dice la Greenspan. “Dall’altro lato, ad uno sguardo più approfondito ci si domanda cosa succederebbe nel caso venisse messo a repentaglio il nostro ruolo di sposa, madre, compagna. Cosa succederebbe se perdessimo l’identità che ci siamo costruiti negli anni e di cui senza non potremmo fare a meno?”
Katherine Heigl, interprete di Tessa, riflette, “Non puoi fare altro che chiederti, ‘Cosa farei se divorziassi da mio marito e lui trovasse un’altra con cui stare?’ ‘Come mi comporterei in simili circostanze?’ Spero di poter gestire la situazione con dignità, ma sarebbe comunque un momento doloroso. Sarebbe la fine del sogno che avevi di costruirti una famiglia ed un futuro insieme e, sfortunatamente, questo fa andare Tessa fuori di testa”.
Nel ruolo di Julia, Rosario Dawson dice che, al contrario, il suo sogno è appena agli inizi. “Julia è in uno di quei momenti che richiedono il classico ‘pizzicotto’, quando si è innamorati e felici. La troviamo entusiasta dei passi che sta facendo nella costruzione di una nuova vita, ma a causa di quanto le è successo nel recente passato, per lei è difficile crederci e non domandarsi se tutto questo avrà una fine immediata e quando. Facevo il tifo per lei perché so come ci si sente, e credo che ognuno riesca a capire come potrebbe essere”.
Di Novi osserva come sia Julia quanto Tessa siano “preoccupate di fare la cosa sbagliata. L’intera vita di Tessa è stata dedicata alla costruzione di una vita perfetta, del giusto matrimonio, del giusto marito, la giusta casa ecc… Julia è fuggita da una relazione extraconiugale ed ha faticato molto per dimenticare tutto, nonostante tenga ancora David all’oscuro di tutto. Perciò questo racconto può essere da monito per quelle donne che sacrificano la propria identità pur di stare accanto al proprio uomo, giusto o sbagliato che sia”.
“Penso che racconti ciò che è innato in ognuno di noi”, suggerisce la sceneggiatrice Christina Hodson. “Il nostro senso di identità è vitale, direi primitivo rispetto alla nostra psicologia di base. Se qualcuno lo mettesse a rischio, cosa saremmo disposti a fare pur di rivendicarne il diritto? Penso che sia come camminare su un terreno scivoloso”.
Grazie alla massiccia diffusione — ed alla invasività — dei mezzi di comunicazione odierni, la nostra identità non è mai stata così vulnerabile. “Al giorno d’oggi è veramente facile essere ingannati o manipolati senza che ce ne accorgiamo”, dice la Di Novi, “e questo è un fatto che gioca a favore del piano di Tessa”.
La Di Novi, che ha sviluppato “L’amore criminale” con la produttrice esecutiva Lynn Harris, era già pronta a produrre il progetto prima che le venisse offerta l’opportunità di debuttare alla regia. E ci conferma, “Come produttrice, ho realizzato film di ogni genere, ma mai un thriller, ed è strano perché sono i film che amo di più. Perciò ero entusiasta di poter dirigere questo film, soprattutto perché era una storia incentrata su personaggi femminili”.
Il produttore Ravi Mehta dice, “Conosceva il progetto alla perfezione, quindi quando ha iniziato a dirigere lo ha fatto con grande naturalezza. Sembrava che avesse fatto la regista da sempre”.
Greenspan nota, “Io e Denise siamo soci nella produzione da tanti anni e siamo sempre stati d’aiuto per tutti i nostri registi, quindi per me è stato un vero piacere essere di supporto anche a lei, aiutandola a raggiungere la sua visione per questo film. Sul set la adoravano tutti, non solo per il prodotto quanto per il suo sviluppo. Sapeva sempre come tirare il meglio fuori dai componenti della troupe, per ottenere ciò che voleva realizzare”.
Le due protagoniste del film concordano. “Denise è stata fantastica”, dichiara la Dawson, che ha lavorato con la Di Novi per la prima volta. “La sua vasta esperienza nel campo cinematografico, era evidente nel racconto e in ogni singolo dettaglio delle riprese. Ha fatto un lavoro magnifico, e sono fiera di aver fatto parte del primo film, a cui spero seguiranno molti altri, diretto da lei”.
La Heigl, che aveva collaborato con la Di Novi nella commedia romantica “Tre all’improvviso”, dice, “Adoro ed ammiro Denise da sempre, e lavorare con lei come regista è stato veramente gratificante. Ha instaurato subito una splendida atmosfera, e io mi sono sentita immediatamente al sicuro nelle sue mani”.
Il loro compagno di viaggio, Geoff Stults dice di aver apprezzato di avere avuto una donna al comando. “Se fosse stato diretto dal punto di vista di un uomo, sarebbe stato un film completamente diverso. Denise mi ha offerto una prospettiva alla quale non sarei mai arrivato da solo. Le sono veramente grato e mi sento fortunato ad aver lavorato con lei”.
Il cast principale de “L’amore criminale”, include anche l’esperta star di cinema e televisione Cheryl Ladd, Whitney Cummings, Simon Kassianides, Isabella Kai Rice e Robert Ray Wisdom.
La Di Novi riflette, “Una delle cose belle del nostro cast — oltre al fatto che sono tutti attori di talento — è stato il fatto che, sebbene nella storia ci siano relazioni difficili e complicate, io e gli attori abbiamo formato una specie di collaborazione famigliare. Abbiamo instaurato un clima di fiducia, creando un ambiente che ha consentito agli attori di condurre i propri personaggi attraverso le loro esperienze”.

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − nove =