Ultime Notizie

Il 16 marzo 2018 esce in tutto il mondo FATTI SENTIRE, il tredicesimo album di inediti di LAURA PAUSINI.

A più di due anni di distanza da Simili e dopo Laura Xmas registrato con la grande orchestra di Patrick Williams, FATTI SENTIRE esce in occasione dei 25 anni di carriera della cantante italiana più amata nel mondo.

Con oltre 70 milioni di dischi venduti, Laura è l’artista italiana più ascoltata su Spotify a livello mondiale e vanta tra i suoi traguardi più di 40 awards internazionali: 1 Grammy Award, 3 Latin Grammy Awards, 4 Premios Lo Nuestro, 6 World Music Awards solo per citare i più importanti.

Anticipato da Non è detto uscito lo scorso 26 gennaio (10 milioni di view) e presentato in anteprima mondiale a Sanremo 68°, FATTI SENTIRE sarà pubblicato per Atlantic-Warner Music in versione italiana e spagnola.

 

“Questo album è un invito a seguirmi in un nuovo percorso, come suggerisce la cover: uno sguardo a chi mi copre le spalle, a chi mi fa sentire amata, protetta e sostenuta, con la promessa di un percorso che inizia da qui.”

 

Il titolo non è quello di una traccia, ma è celato in un brano cha Laura ha voluto plasmare inserendo questo imperativo: FATTI SENTIRE.

 

“Cantando uno degli ultimi brani che ho inciso, davanti al microfono in studio ad occhi chiusi mi è venuto naturale aggiungere ‘Fatti sentire’. Lo ripeto spesso come fosse un mantra, sussurrato, parlato, declamato, urlato, FATTI SENTIRE.

E così ho sentito che quelle due parole più di ogni altra cosa rappresentavano il mio disco, il messaggio che volevo dare.”

 

L’album contiene 14 tracce: storie a cui Laura si è avvicinata ascoltando chi le sta accanto e non solo. Come un sequel di Simili, che invitava ad avvicinarsi e a sentirsi parte di un unico universo, FATTI SENTIRE invita, pur nella vicinanza al prossimo, ad amare la propria personalità, ad accettarsi e a volersi bene per quello che si è.

 

“È un passo oltre Simili. Siamo simili ma è importante conoscere se stessi e far conoscere se stessi agli altri, affermando la propria personalità, il proprio talento, le proprie caratteristiche, le peculiarità che fanno di noi degli individui ‘meravigliosamente’ unici.”

 

In questo disco tutti e 14 i testi delle canzoni portano la firma di Laura. Un brano totalmente in spagnolo, Nuevo, e uno in inglese, No river is wilder, sottolineano ancora una volta la caratura internazionale dell’artista che, reduce dai successi discografici e da una eccezionale affermazione personale con La Voz Spagna e Messico, La Banda U.S. e recentemente con X-Factor Spagna, è sempre più una vera star a livello globale.

 

In FATTI SENTIRE si riuniscono così sound italiani e internazionali in una commistione di generi, autori, musicisti, produttori che insieme fotografano questo momento della carriera di Laura Pausini. La produzione artistica è come da sempre di Laura stessa, che dona un carattere eterogeneo al disco riunendo attorno a sé alcune delle firme più interessanti del panorama italiano ed internazionale.

 

Due brani, Un progetto di vita in comune e Il caso è chiuso, sono infatti prodotti da Rik Simpson, collaboratore di Jay-Z, da dieci anni produttore dei Coldplay, produttore tra gli altri dei recenti successi di Viva la vida, A Head full of dreams (2015), Kaleidoscope (2017) e Multi Grammy Awards Winner (la coproduzione è di Davide Rossi).

 

Il coraggio di andare è prodotto da Julio Reyes Copello, due Grammy Awards già autore per Ricky Martin, Marc Anthony, Alejandro Sanz, Jennifer Lopez, Nelly Furtado e fondatore della Art House Records.

 

Francesca (piccola aliena), uno dei brani che sta più a cuore a Laura, è prodotto da Nick Ingman (Radiohead, Oasis, David Bowie, Elton John, Nomination ai Grammy per la collaborazione con Eric Clapton) e Nuevo da Ettore Grenci, produttore di Luis Fonsi, Marc Anthony, Gloria Trevi, che solo per il mercato brasiliano si presenta con un featuring del duo Simone&Simaria.

 

FATTI SENTIRE segna anche il ritorno di Dado Parisini, alla produzione di altri quattro brani, tra cui La soluzione, Le due finestre e in co-produzione con Paolo Carta Frasi a metà e il primo singolo Non è detto, uscito in tutto il mondo il 26 gennaio scorso anticipando la release dell’album.

Storico produttore di Laura, Parisini ha collaborato alla produzione dei suoi album di più grande successo tra cui La mia risposta (1998), Tra te e il mare (2000), Resta in ascolto (2004).

 

Principale collaboratore artistico e compagno di vita di Laura (dal loro amore è nata la piccola Paola), Paolo Carta (Latin Grammy per Invece no in versione spagnola), in FATTI SENTIRE ha firmato E.STA.A.TE, Fantastico (Fai quello che sei), No river is wilder, L’ultima cosa che ti devo e Zona d’ombra.

 

Il disco si apre con Non è detto, il primo singolo uscito il 26 gennaio che ha scalato subito le chart europee e latino americane e ha anticipato il nuovo progetto.

La versione in esclusiva per le piattaforme streaming disponibile da venerdì 9 marzo è stata rivisitata in pieno stile latino con una produzione di Sergio George (Marc Anthony, Jennifer Lopez, Prince Royce tra gli altri) arricchita da un featuring con Gente De Zona, duo di salsa reggaeton premiato al Latin Grammy del 2016 e noto per collaborazioni con Enrique Iglesias, Pitbull, Carlos Rivera.

Nella versione originale del disco invece, la musica è di Laura, Gianluigi Fazio (da anni sua voce maschile tra i cori in tour) e Edwyn Roberts (autore della hit Simili), mentre il testo è di Niccolò Agliardi, che firma anche la quinta traccia, Frasi a metà, e la dodicesima, Zona d’ombra, sulla musica di Joseph Carta.

Nuevo è il secondo brano ed emerge in modo netto rispetto agli altri. Un reggaeton in pieno stile Pausini, testo di Laura a quattro mani con Yoel Henriquez, che alle musiche porta la firma di Daniel Vuletic, storico collaboratore di Laura. Segue La soluzione, firmata anche da Massimiliano Pelan e Giulia Anania, due giovani firme molto ricercate nel panorama musicale attuale italiano. Alla quarta traccia arrivano prepotenti le sonorità estive con E.STA.A.TE, testo scritto a quattro mani da Laura insieme a Virginio Simonelli, che aveva già collaborato con lei in passato e che in questo disco firma anche Fantastico (Fai quello che sei), titolo che riprende una delle frasi storiche di Laura, suo marchio dai tempi del primo San Siro da record, e Il caso è chiuso.

Le due finestre è la numero sei della tracklist scritta da Enrico Nigiotti, giovane cantautore rivelazione dell’ultimo X-Factor Italia e alla prima collaborazione con Laura, per un brano che acquisisce influenza internazionale per mano di Eric Silver e Nikki Williams (già autrice di Demi Lovato).

Completamente firmate Pausini sono invece L’ultima cosa che ti devo e No river is wilder, l’unico brano interamente in inglese di tutto il disco. Nato da un provino in lingua anglosassone, è rimasto immutato proprio per conservare le sonorità originali.

Per la decima traccia Un progetto di vita in comune torna Daniel Vuletic alle musiche e, insieme a Laura, ritroviamo Cheope, che con lei ha firmato alcuni dei suoi successi storici.

Penultimo brano del disco è Francesca (Piccola aliena), una canzone molto importante il cui testo, scritto da Laura Pausini, è dedicato alla piccola Francesca, la sua “nipotina” scomparsa meno di un anno fa a causa di una malattia rarissima.

Chiude questo lavoro l coraggio di andare, traccia fondamentale perché è tra i versi di questo testo scritto a quattro mani con Tony Maiello (tra gli autori del precedente album Simili), che Laura ha inserito la sua frase d’ispirazione, nonché titolo del disco, Fatti sentire. Un inno alla volontà di crescere e di trovare la propria strada, cercando di realizzare i propri sogni avendo fiducia nel futuro.

 

FATTI SENTIRE è disponibile in versione standard e in una speciale versione in vinile trasparente. Solo per Amazon, il vinile esce in una nuova ‘pinkversion’.

 

Per la presentazione mondiale dell’album alla stampa, Laura ha scelto l’originale palcoscenico di un volo dedicato Alitalia. La Compagnia italiana, è anche official carrier e accompagnerà l’artista e lo staff nelle principali tappe del tour mondiale. Alitalia, inoltre, offrirà a tutti coloro che acquisteranno il biglietto per le due anteprime mondiali del Circo Massimo (Roma, 21 e 22 luglio) tariffe dedicate per raggiungere in aereo la Capitale.

 

TRACK BY TRACK

Laura says…

NON È DETTO

“Non è detto parla di possibilità e di opportunità, perché nulla è detto, tutto può succedere, le cose cambiano improvvisamente. Lascia aperte tutte le porte, tutte le strade che si presentano a noi, ma soprattutto quelle che noi scegliamo costruendo il nostro futuro, scelta dopo scelta. Non è una canzone autobiografica ma amo il messaggio che sento molto mio: le cose cambiano e spesso ci sorprendono. Come a me tante volte è successo nella vita.”

 

NUEVO

“Nuevo è il mio modo di affrontare uno stile insolito che mi dà la possibilità di scatenare il mio lato latino, ‘un feeling nuevo’ come dice la canzone. È un gioco di seduzione che sfocia in una corrente di sensazioni in cui perdersi e perdere il controllo. Non servono sottotesti, non servono sovrastrutture, chi comanda è l’alchimia che si sprigiona da una scintilla, e tutto si accende.”

 

LA SOLUZIONE

“È una canzone immediata che racconta un percorso, l’abbandono di un passato fatto di inquietudini, la ricerca di nuovi confini da attraversare, portando con sé ciò che vale la pena salvare. È la canzone d’amore che forse mi rappresenta di più. La mia soluzione è l’amore, così come la musica, è una cosa che per me non cambia e non cambierà mai.”

 

E.STA.A.TE

“Ritmo allo stato puro, un inno all’estate, al prendere l’iniziativa in amore. È una canzone che ha nel testo un gioco di parole: ESTATE / E STA A TE, la mia ESTATE sei tu, E STA A TE cominciare. Quando si vuole qualcosa sta a noi prenderla, o fare di tutto per raggiungerla, con l’energia che contraddistingue quella stagione dell’anno, compresa la voglia di godersi ogni momento fino alla fine.”

 

FRASI A METÀ

“Un brano rock, arrabbiato, potente, che arriva dritto al punto e anche al cuore. Un’amicizia interrotta, il dolore che si trasforma in rabbia. C’è tutta la mia indole in questa canzone, quando taglio i ponti è finita, vuol dire che ho sofferto talmente che il limite è stato raggiunto. E tutto si interrompe, a metà, come frasi e verità sospese che perdono di significato.”

 

LE DUE FINESTRE

“Un racconto di immagini e suggestioni. Due persone fotografate in un momento di crisi e insieme di svolta: è l’appello struggente e persistente lanciato per non perdersi. Racconta la difficoltà di comunicare, di capirsi e farsi capire, nella ricerca di una serenità che va ritrovata, azzerando ogni barriera e difesa, riscoprendosi, aiutandosi a vicenda o anche scusandosi per non essere in grado di sopportare una pressione emotiva. Le due finestre è per me una delle emozioni più grandi provate in sala di registrazione e che si rinnova ad ogni ascolto.”

 

FANTASTICO (FAI QUELLO CHE SEI)

“Un mondo dance e spensierato, che prende spunto dalle sonorità anni ’80 arricchite da suoni di ultima generazione, Fantastico è dedicata ai miei fan. Racchiude nel titolo una frase, ‘Fai quello che sei’, nata nel 2007 per il mio primo San Siro. In un momento così difficile per la diversità, per le minoranze, ma anche per chi ha una sensibilità spiccata e ha difficoltà a tirar fuori la propria personalità a causa dei paletti che la collettività impone, la salvezza va cercata nella libertà di espressione, da ogni punto di vista, anche il più spensierato.”

 

NO RIVER IS WILDER

“Una canzone nata in inglese, con uno spirito anglosassone che ho voluto fortemente rimanesse originale. No river is wilder è un brano di cui ho scritto io il testo al volo, non vedevo l’ora di provinare il pezzo e le note scritte da Paolo Carta mi hanno portata a scegliere suoni, vocali, parole che dessero alla mia voce lo sfogo necessario, l’ho cantato così e ho voluto lasciarlo in lingua inglese, come era successo la prima volta nel 1998 con il brano ‘Looking for an angel’ scritta in quel caso per me da Phil Collins.”

 

L’ULTIMA COSA CHE TI DEVO

“L’ultima cosa che ti devo è un giro di boa, è il responso di un bilancio, è il passo successivo ad un bivio. È una ballad sincera, dedicata agli istanti di vera forza, quando arriviamo di fronte a una porta da aprire, o da lasciarsi alle spalle. Sono momenti che ho attraversato, riuscendo a portare la mia vita oltre la realtà che vivevo e regalandomi una nuova possibilità.”

 

UN PROGETTO DI VITA IN COMUNE

“È uno dei due brani prodotti da Rik Simpson, che è riuscito a creare una sonorità veramente particolare, che cercavo da un po’, perché è nuova e allo stesso tempo mi rappresenta perfettamente. Il titolo rispecchia il mio lato pragmatico e la mia esigenza di pianificare, su basi e prospettive solide. Sono pronta a superare ogni paura, a ripartire da capo, per condividere con la persona che amo non solo il quotidiano, ma un vero progetto di vita in comune, scritto a quattro mani, senza mai perdere di vista il rispetto del singolo individuo.”

 

IL CASO È CHIUSO

“Un pezzo che non lascia spazio all’interpretazione, o ai tentennamenti. Un’esplosione di suoni che alterna pop e rock in un equilibrio che Rik Simpson ha saputo raggiungere, superando la visione che avevo di questo brano al primo ascolto. Si sbaglia, si cade, ci si scontra, fino al punto di voler rompere ogni specchio che riflette un’immagine ormai troppo distorta. Spesso semplicemente per chiudere, e non tornare, senza alcun giudizio o condanna.”

 

ZONA D’OMBRA

“Sonorità elettroniche e dance si fondono in questa canzone, dal testo misto, italiano e inglese. Particolare non solo per i suoni ma anche perché racconta una parte probabilmente molto femminile, in cui mi riconosco, e per alcuni versi fragile, insicura. Non è scontata la fiducia in se stessi, ancor meno la fiducia nell’immagine che gli altri hanno di noi, in primis le persone che amiamo. Sconfiggere la zona d’ombra che si crea quando dubitiamo di noi stessi, va oltre la vanità, è un traguardo che si raggiunge attraverso chi ci sceglie, una ricompensa per essersi fatti scoprire, attraverso tutto ciò che fa di noi ciò che siamo.”

 

FRANCESCA (PICCOLA ALIENA)

“Questa canzone a cui tengo moltissimo, arrangiata e prodotta da Nick Ingman, è dedicata alla mia ‘nipotina’ scomparsa lo scorso aprile a causa di una rara malattia (sindrome da deiezione ip36) e alla sua mamma Roberta, che ha accompagnato la vita di questa bimba inventando per lei un mondo fantastico, attraverso un diario e la favola di un pianeta lontano a cui purtroppo la “piccola aliena” Francesca ha dovuto fare ritorno prima di aver compiuto tre anni. Questo brano è per lei, per tutte le famiglie che vivono situazioni simili e drammatiche e per tutte le persone che dedicano la loro vita ad aiutare bimbi e genitori durante la degenza. I proventi del brano andranno alla onlus “Bimbo tu”, che ha sostenuto Francesca e i suoi cari.”

 

IL CORAGGIO DI ANDARE

“È un brano delicato ma parla di forza. Invita a trovare il coraggio di andare avanti nonostante tutto, di ricominciare da zero, di lottare per se stessi, per i sogni e il futuro, perché nessuna occasione vada sprecata, nessuna traccia passi inosservata, nessun ricordo giri a vuoto. E la mia impronta in questo pezzo è il titolo del disco, FATTI SENTIRE.  Farsi sentire, sempre e comunque, perché ne vale la pena, perché fa la differenza. Ognuno di noi, ogni storia, ogni vita vissuta conta e fa la differenza.”

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × quattro =