2 minuti

Il pittore dei vip e dei personaggi storici batte due nuovi colpi. Il suo pennello stavolta racconta, con lo stile che gli è proprio, Vittorio Sgarbi e Bruno Vespa. Così Andrea Petrone, noto in questi anni per essere l’unico artista (quasi su licenza esclusiva della figlia Liliana De Curtiis) a rappresentare Totò sulle sue tele.
Sgarbi in visita a San Giorgio La Molara per l’inaugurazione del nuovo auditorium, ha ricevuto il ritratto dell’autore che ne ha descritto i significati. Il critico ha voluto quindi conoscere la sua produzione artistica recandosi nell’abitazione-studio di Petrone.

Abbiamo incontrato Maria Chiara Petrone, Manager e Press Agent dell’artista Andrea Petrone.

Ciao Maria Chiara, parlaci dell’evento del 31 Maggio

Il 31 maggio 2016 si è svolta a San Giorgio La Molara l’inaugurazione del nuovo auditorium, ospite speciale dell’evento Vittorio Sgarbi a cui il pittore Andrea Petrone ha donato un ritratto a lui dedicato raffigurante una carta da gioco in cui riflessa c’è l’immagine speculare del critico d’arte con una penna d’oca in mano, simbolo del suo lavoro e l’immagine di una capra.

A chi va il merito di questo incontro?
A dire il vero, essendo  manager e press agent dell’artista Andrea Petrone, ho coordinato io l’incontro nei minimi dettagli.

Cosa puoi raccontarci di questo incontro?

Dopo l’inaugurazione il noto critico d’arte si è recato a casa Petrone per ammirare da vicino i quadri del maestro Andrea Petrone apprezzandone uno in particolare, il ritratto di Bruno Vespa.
Dopo aver ammirato i quadri il noto critico d’arte si è fermato a casa Petrone per degustare insieme alla famiglia del maestro e al suo staff una squisita cena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.