Intervista con Llensy Zafra Martinez

Intervista con Llensy Zafra Martinez

LM2
Il nostro redattore Gianfranco De Cataldo ha intervistato Llensy Zafra Martinez.
Di seguito l’intervista esclusiva rilasciata per voi lettori!
Ciao Llensy ! Iniziamo dalla prima domanda. I tuoi sogni ed aspirazioni da bambino.
Da piccolo avevo un nonno che lavorava in un’Orchestra di Musica ed un papa’ attore di Cinema e Tv , quindi sono sempre stato vicino ed interessato a questo Mondo ; aggiungiamo anche che sono una persona ambiziosa ( nel senso positivo ovviamente del termine )
Come,quando e perche’ hai iniziato a ballare?
Ho iniziato all’eta’ di 8 anni , aiutato un po anche dal fatto che mio nonno lavorava nella sua Orchestra e da una mia zia ballerina , per cui iniziai a muovere i primi passi inconsciamente , di li poi la passione divenne …..lavoro.
Secondo te qual’e’ il segreto del successo?
A) Talento ; B) Sacrificio ; C) Fortuna . Servono principalmente queste 3 cose che ho menzionato.  
In che modo il ballo latino-americano ha influito sulla tua vita, sul tuo “essere”?
Ha influito sia in positivo che in negativo : In positivo perche’ mi da lavoro , in negativo perche’ qua in Italia il nostro mestiere non e’ alla fin fine considerato un vero e proprio lavoro , e di cio’ ne ho esperienza diretta.
Il tuo punto di vista sulle scuole,sul mondo dei balli “caraibici” in genere, sia a Cuba,in Italia che nel resto del Mondo.
A Cuba viene evidenziato assai il talento,la passione ecc ; in Italia e’ diverso : basta avere soldi,visibilita’,conoscenze ecc …..e tutto arriva di conseguenza !
La Union: parlaci di questo Progetto
La Union e’ un progetto venuto fuori perche’ Jeosvani ( cugino e collega) era gia’ un mio idolo da piccolo , nel corso degli anni poi , man mano che crescevo sia professionalmente e non ….me lo sono ritrovato al mio fianco diventando cosi colleghi ; in Italia adesso lo porto in giro nei vari locali dando lui visibilita’ . Il nome La Union deriva dal fatto che “La Union fa la forza” !
Se la tua vita fosse un film,una canzone, quale sarebbe e perche’?
Film = Fame ( anni’80 ) ; Canzone = Se te Olvido quien soy ( ti sei dimenticato chi sono) . Entrambi molto significative per me.
Cosa significa essere un maestro di ballo o un’artista oggi ?
Essere un maestro o ballerino di musica caraibica significa essere al centro dell’attenzione sia in positivo che in negativo …. ( in negativo soprattutto in Italia )
Il futuro del ballo caraibico secondo te.
A mio parere c’e’ un po di calo in giro . C’e’ bisogno a mio modo di vedere una revisione del sistema d’insegnamento nelle varie scuole ; il piu’ delle volte si diventa maestri in maniera “Spudorata” tralasciando i veri valori del ballo , della passione e dell’appartenenza in genere al Mondo Caraibico.
Da 0 a 100 quanto sono importanti tecniche,passione e gestualita’ nel ballo latino-americano?
Direi 100 … in tutte e 3 le voci !
Un ricordo indelebile della tua carriera , dagli inizi ad oggi
A) Incontro con I Nomadi : vi lavoro una volta all’anno.
B) Viaggio in Turchia di qualche anno fa dove trovai una super-accoglienza e dove addirittura sapevano gia’ chi ero e cosa facevo.
Un sogno nel cassetto che vorresti realizzare?
Comprare una casa propria , adesso infatti non avendola …..ho difficolta’ nelle pratiche per il finanziamento ecc ecc
Progetti futuri?
Uno dei principali Progetti e’ quello di aprire un mio locale dove poter insegnare , ballare , far mangiare Cubano , Caraibico in genere ; un vero e proprio cioe’ Locale a Tema dove poter far conoscere , vivere e condividere tutta l’atmosfera in generale di quei paesi.
 
Un tuo motto o una frase che ti rappresenta.
Uno su mille ce la fa!
L’intervista e’ finita , ma prima i saluti!
Inizialmente volevo ringraziare te e Vocespettacolo per avermi dato possibilita’ di “sfogare” i miei pensieri e le mie idee ; poi volevo ringraziare tutti i locali e le scuole di ballo che mi danno possibilita’ di lavorare e farmi conoscere; inoltre volevo salutare i miei colleghi Cubani invitandoli a non mollare e per ultimo un saluto alla mia famiglia e ad i miei figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post Intervista a Erika Gottardi. Guru della Moda.
Next post Intervista con Gitano

Red Market | 2023 Oscar®Qualified Short Film by Walter Nicoletti. Produced by Voce Spettacolo.